Immersioni consigliate da effettuare in Italia

I nostri mari non saranno altrettanto caldi, ma per gli appassionati di scuba diving sono interessanti tanto quanto le destinazioni internazionali più esotiche. Basta sapere dove guardare! E per saperlo… Fidatevi di noi!

Secca dell’Isuela, Portofino

Immergersi qui permette di scendere fino a 50 metri di profondità e vivere una delle esperienze più belle nella nostra penisola.

In questo mare si possono ammirare branchi di pesci colorati di ogni tipo, dalle cernie alle donzelle, i quali vi terranno compagnia per tutta la durata della nuotata.

Immersioni consigliate da effettuare in Italia 1 - Immersioni consigliate da effettuare in Italia

Per immergervi potrete utilizzare le visite guidate proposte dai numerosi centri di diving presenti nella zona.

Lago di Capodacqua, Abruzzo

Il lago di Capodacqua è di proprietà privata e si trova nel territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso. Questo specchio d’acqua è alimentato dai tanti sorgenti che scendono dalle vicine montagne e danno vita al fiume Tirino.

Le immersioni sono comunque possibili e la loro peculiarità sono le acque cristalline del lago e i mulini sommersi al suo interno che possono essere visitati grazie alla perfetta visibilità.

Secca del Papa, Sardegna

Nel cuore dell’Area Marina Protetta di Tavolara è possibile fare un’esperienza tra le più suggestive del Mediterraneo  e godere di tutto ciò che questo meraviglioso e incontaminato litorale ha da offrire.

In questa zona si può ammirare la Paramucirea clavata, pesce raro della Sardegna di colore rosso e giallo.

Banco di Santa Croce

Attorno a cinque punte rocciose che escono dal mare, nel 1993 fu istituita una zona protetta di tutela biologica dove ora si possono effettuare immersioni attorno ai 50 metri di profondità. Superati i 30 metri, si possono ammirare gronchi, gattucci e altri pesci nascosti tra le fronde della Gerardia savaglia, il falso corallo nero.

L’immersione permette di aggirare tutti i pinnacoli rocciosi ed entrare nella spaccatura che divide a metà una delle pareti, osservando uno spettacolo mozzafiato.

Se si è fortunati, si avrà anche l’opportunità di veder nuotare alcune razze.

Questa immersione va organizzata tramite i centri subacquei presenti sul territorio e per ancorare la barca bisogna utilizzare le boe di ormeggio poiché le ancore sono vietate.